Wage inequality

La condizione naturale di tutti gli esseri viventi su questo pianeta è quella di rapporto precario con il futuro, senza certezze nel domani.

La produzione di sogni e aspettative rende l’accettazione di questa consuetudine meno sopportabile agli esseri umani, soprattutto perché molto spesso si trovano costretti a prendere decisioni oggi per determinare eventi futuri. Questa azione previsionale dovrebbe basarsi su regole fisse, dati obiettivi e immutevoli, che per quanto mi riguarda non esistono. In effetti non sono in grado di prendere alcuna decisione responsabile su nulla , in quanto qualsiasi valutazione mi è preclusa dall’impossibilità di effettuare considerazioni su dati ponderati: Domani io potrei essere senza lavoro senza motivo e senza preavviso. La mia condizione lavorativa estremamente flessibile mi paralizza. L’assurdità è che  guadagno così poco che non potrei essere una potenziale acquirente di quello che produco. Non posso accedere a cure specialistiche sanitarie perché per me sono fuori budget. Se l’unica cosa che hai in mano è il lavoro, o almeno le competenze o come nel mio caso la laurea per svolgere un lavoro, e se il valore del lavoro che fai viene svilito e svalutato a priori, senza possibilità di tutele di alcun tipo ( i sindacati non tutelano gli interessi delle partite iva), si tende a diventare individualisti, e a vivere alla giornata. Questo tipo di imposizione contrattuale ha creato una società di individui a parte all’interno della stessa società umana. Di lavoratori e lavoratrici nomadi ed erranti, a cui è stata praticamente negata la possibilità di mettere su radici, di crearsi una famiglia, a cui è stato impedito contrattualmente il sacrosanto diritto all’avvenire.

Ieri mentre  scaricavo le analisi del sangue sul mio cellulare ero con una mia amica ignara della mia condizione e  parlavamo proprio di queste cose. E quando ho visto che le beta hcg non erano raddoppiate (come dovrebbero ogni settimana di gravidanza) sono stata quasi sollevata. Martedì farò un altro esame e a mente fredda non so davvero cosa sperare.

2 pensieri riguardo “Wage inequality

  1. Non c’è futuro perchè si vive in un presente contaminato e tossico di scorrette forme di politica-economica atte solamente ad ingolfare gli stomaci e le tasche di coloroc he hanno poteri decisionali un “poco” sopra gli esseri umani. Nella grande piramide l’essere umano, il lavoratore autonomo o professionista, il lavoratore dipendente ecc. non ha mezzi necessari o quantomeno sufficienti per combattere contro coloro che vorrebbero la distruzione.

    Mi piace

  2. Se mi scrivi una tua mail all’indirizzo del blog mi fai un regalo. Voglio tantissimo mettermi in contatto con te per capire in che modo possiamo aiutarti a tenere il bambino. preferirei non parlartene pubblicamente. Grazie, Costanza ps ti prego, fallo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...